OGGI PARLEREMO DEL QUARTO FATTORE, I COSTI

 

Investire i nostri risparmi: un’azione concreta, controllabile e sicura?

Questo è il titolo del primo articolo (link) che ci guiderà in un percorso nel capire i fattori più importanti da tenere in considerazione prima di effettuare un investimento.

Quali sono questi fattori?

  1. Quanto risparmi
  2. La durata dell’investimento
  3. L’asset allocaton
  4. I costi
  5. Le tasse
  6. Il rendimento

Oggi parleremo del quarto fattore, i COSTI

Investimento… ma quanto mi costi?

Vi siete mai chiesti se piccole differenze di costo possono causare nel tempo significative differenze di rendimento? I fondi migliori sono quelli più costosi o quelli più economici?

I costi possono determinare il successo di un investimento e la ricerca di strumenti a basso costo non deve essere un fine, ma una via per raggiungere più facilmente i propri obiettivi finanziari. Ridurre le spese è sicuramente importante per aumentare le probabilità di ottenere migliori rendimenti,  ma il low cost non è sinonimo di free-risk. Non dimentichiamo mai il detto che “non ci sono pasti gratis”.  Diversi studi (Banca d’Italia, settembre 2017, Consob, gennaio 2018) hanno dimostrato l’importanza di questa voce nel determinare la capacità di un investimento di produrre performance superiori nel lungo termine. C’è poi la questione Mifid II, la normativa europea che amplia quella precedente per portare a una maggiore tutela degli investitori e di cui uno dei pilastri fondamentali è proprio la trasparenza riguardo alle spese. Con l’entrata in vigore della MiFID II, i costi dovranno essere comunicati in modo esplicito e distinti in tutte le loro varie voci: costi del servizio, costi associati al prodotto e commissioni di retrocessione (inducements).

Ma perchè i costi sono così importanti?

Capire i costi in cui si incorre è fondamentale perchè essi sono un elemento imprescindibile dal risultato complessivo di un investimento ed è quindi fondamentale avere trasparenza e chiarezza su quanto si paga per investire. Non dimentichiamo, e dobbiamo esserne consapevoli, che è giusto che ci siano dei costi in un prodotto finanziario, perchè all’interno abbiamo un servizio fatto da una società di gestione o da dei consulenti e, quindi, diventa sacrosanto che questi soggetti vengano remunerati.

Non penso che un imbianchino o un idraulico prestano i loro servizi in maniera gratuita o sottopagata. Quindi fate molta attenzione quando un servizio finanziario non presenta costi, in quanto nessun prodotto e  nessun servizio finanziario può essere offerto in modo gratuito, come del resto un medico o un avvocato non presta i propri servizi in modo gratuito.

Nella scelta di un investimento, sono pochi gli aspetti che ricadono sotto il controllo degli investitori e, tra questi, non ci sono di certo le performance future. Chi vi sta promettendo questo sta semplicemente bluffando. Al contrario, tutto ciò che riguarda le spese, i rischi e il tipo di gestione sono alcune delle qualità che possono essere valutate ex ante dall’investitore.

In questo grafico vengono rappresentati due portafogli con un investimento iniziale di 50’000 €. Per semplicità si ipotizza che in dieci anni hanno conseguito un rendimento annuo composto del 5% al lordo dei costi. In questo esempio non ci sono costi di sottoscrizione ma viene addebitata una percentuale annua.  Tale commissione è inglobata nel prezzo totale. In questo esempio ipotizziamo che: il portafoglio A (linea blu) paga costi di gestioni pari al 2% annuo e il fondo B (linea rossa) paga il 3% annuo. Come potete vedere a vista d’occhio, uno stesso fondo ma con un costo dell’1% più alto, dopo dieci anni, comporta un mancato guadagno di circa 7000,00€ una differenza pari all’incirca all’11%.

Questo primo fattore è controllabile e misurabile?

Il mio ruolo è di fornire risposte semplici e chiare ai molti dubbi in materia, offrendo un valido supporto per intervenire in maniera tempestiva ed entro i termini di legge, per pianificare i vostri patrimoni e per raggiungere i vostri obiettivi di vita

 

Vuoi saperne di più? 

 

 

 

 

You might also like

No Comments

Leave a Reply